Zone di Londra: Covent Garden

Covent Garden è una delle zone più vivaci e piacevoli di Londra. E’ probabilmente  una delle zone centrali della città che amo di più; ci vado spesso, anche solo per passeggiare senza una meta precisa. Ogni volta scopro nuovi ristoranti, negozi e scorci interessanti.

Una delle cose che apprezzo di questa parte di Londra è che si rivolge sia ai locali che ai visitatori. C’è una gradevole assenza di negozi di souvenir di cattivo gusto, di catene di ristoranti di bassa qualità e di trappole per turisti. Al loro posto troverete negozi indipendenti, ristoranti unici e teatri.

la piazza di Covent Garden a Londra

Angoli pittoreschi di Covent Garden

Una delle cose che rende così gradevole questo quartiere di Londra è che è pieno di vicoli ed angoli pittoreschi. 

Uno dei più noti è certamente Neal’s Yard. Questa piccola corte interna stupisce con le sue facciate coloratissime ed i vivaci café. E’ un luogo perfetto per scattare qualche foto di una Londra inusuale e variopinta.

Tutt’altra atmosfera è quella che si può trovare nel “giardino segreto” dietro la chiesa di St. Paul. Questo angolo di verde non è visibile dalla strada e questo lo rende una perfetta oasi di calma quando il rumore degli artisti di strada e della folla nella piazza diventa un pò troppo travolgente.

il giardino 'segreto' dietro St Paul a Covent Garden

Un terzo luogo , imperdibile, è la Royal Opera House. Costruita nel 1732 si tratta del più antico Teatro Nazionale di Opera e Balletto. 

La Royal Opera House ha riaperto nel 2018 dopo una ristrutturazione triennale costata 50 milioni di sterline; uno degli obiettivi era quello di renderlo un edificio più accessibile ed accogliente per tutti, non solo per gli amanti dell’opera. Le mura sono state demolite ed i ristoranti sono stati ampliati per creare spazi che vogliono incoraggiare chiunque ad entrare. Quindi non sentitevi imbarazzati, entrate e curiosate. Al piano terra c’è un accogliente café, vetrine mostrano i sontuosi abiti indossati durante opera e balletti. Al secondo piano uscite sul terrazzo per ammirare la vista dall’alto su Covent Garden. E soprattutto ammirate l’enorme salone a vetrate dove è situato il ristorante. Lascia davvero a bocca aperta.

la Royal Opera House

Un altro punto fotogenico di Covent Garden è Rose Street, dove il pub Lamb and Flag, con la sua facciata variopinta e l’ottima birra, è un luogo molto amato dai locali. Da Rose Street si raggiunge Floral Street, una bella strada lastricata con alcuni dei migliori negozi e boutique della zona.

Museo dei trasporti 

La piazza di Covent Garden ospita il London Transport Museum che quest’anno compie 40 anni. Il museo è ospitato in quello che fu il mercato dei fiori. Oggi la collezione è cresciuta da circa mille oggetti (nel 1980) a oltre 450.000 articoli, molti dei quali ceduti direttamente dal London Transport. Copre il ricco spettro dei trasporti e della società di Londra; dai veicoli storici alle mappe e segnali, oltre a fotografie, locandine e dettagli architettonici, nonché audiovisivi e racconti. 

Shopping a Covent Garden

Come dicevo all’inizio del post, in questa zona aprono continuamente nuovi negozi ed attività commerciali. Ma ci sono alcuni indirizzi che ormai sono considerati iconici per lo shopping. 

Ovviamente non si può non cominciare citando gli stand artigianali dell’Apple Market. Un pò di anni fa venne deciso di riservare questo spazio solo ad artisti ed artigiani, qui non troverete merce fatta in serie e banali souvenir.

Accanto alla piazza, il Jubilee Market è un mercato coperto più tradizionale con vari oggetti stravaganti da acquistare, ma con un taglio decisamente troppo turistico per i miei gusti.

Floral Street ospita luoghi come The Shop at Bluebird per essere sempre aggiornati sulle ultime tendenze della moda, Stanfords, specializzato in guide di viaggio e giochi da tavolo ed il flagship store del famoso stilista inglese Paul Smith.

The Shop at Bluebird a Covent Garden
Gli interni di The shop at Bluebird

 In King Street, Petersham Nurseries è un paradiso per chi ama l’interior décor. I suoi oggetti ricercati e unici e le splendide vetrine sono una gioia per gli occhi (un pò meno per il portafoglio). 

La zona intorno a Seven Dials, è piena di negozi indipendenti, tra cui la famosa cioccolateria francese Pierre Hermé ed il London Graphic Centre fornitissimo negozio di prodotti per artisti e pittori.

Cecil Court è uno dei posti migliori per i bibliofili a Londra. Questa stradina è infatti famosa per le sue librerie  indipendenti.

Ristoranti a Covent Garden

Stanchi dopo tanto shopping? A Covent Garden non mancano certo bar e ristoranti. 

Monmouth Café, in Seven Dials, è considerata una delle migliori caffetterie di Londra; personalmente non sono del tutto d’accordo, ma è comunque un posto gradevole per una sosta.  

Per un tocco di Svezia c’e Bageriet proprio accanto a Floral Street. Un delizioso piccolo café dove gustare specialità svedesi. 

Bageriet

Covent Garden è anche sede di Rules, il più antico ristorante della città; la sua atmosfera di altri tempi lo ha reso il set perfetto di vari film, qui sono state girate scene di 007 e Downton Abbey

Un altro iconico locale è Balthazar. Il ristorante-brasserie è aperto per colazione, pranzo, tè pomeridiano e cena. Il menu è di ispirazione francese, così come il caratteristico ambiente. 

Una serata  a Covent Garden

Se non siete ancora stanchi, Covent Garden ha parecchio da offrire anche dopo cena. La zona è infatti famosa per i suoi teatri. La Royal Opera House ha un balletto di livello mondiale oppure potete optare per lo spettacolo più longevo della storia: Mousetrap di Agatha Christie presso il St. Martin’s Theatre.

Se non siete tipi da teatro potete trascorrere la serata in qualche pub: Mr Fogg Tavern si fa notare per la sua facciata floreale ; il già menzionato Lamb & Flag frequentato anche da Charles Dickens; il Salisbury con i suoi meravigliosi interni vittoriani.

The Salisbury, storico pub a Covent Garden

10 pensieri riguardo “Zone di Londra: Covent Garden

  1. Amo Londra, è in assoluto la mia città preferita; ma devo confessare che non conoscevo bene questa zona. Mi riprometto di visitarla la prossima volta che saremo nei paraggi!

  2. Quanto mi piace Covent Garden! Mi manca così tanto Londra! Mi ero ripromessa di tornarci appena ristrutturato il Big Ben perché non volevo trovare le impalcature ahahah adesso dovrò aspettare davvero!

  3. Amo Covent Garden! e Neal’s Yard mi è piaciuta tantissimo. Non conoscevo, invece, il “giardino segreto”: sarà per la prossima volto che tornerò a Londra!

  4. Leggendo il tuo articolo mi è venuta un sacco di voglia di tornare a Londra. Ci sono stata alcuni anni fa e avevo fatto un giro a Covent Garden di sera, troppo frettoloso però per apprezzare la bellezza di questo quartiere.
    Spero di tornare presto e di andare a visitare la Royal Opera House, non l’ho vista all’epoca e da come la descrivi deve essere davvero bella 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *