I pub più infestati di Londra

Sembra proprio che gli Inglesi incontrino più fantasmi di qualsiasi altro popolo. Nessun altro Paese può vantare cosí tante storie di spettri: alcuni si aggirano per vendicare ingiustizie, altri cercano la pace ed altri ancora sembrano divertirsi a fare macabri scherzi a poveri malcapitati.  Come vi ho già raccontato nel mio post sui fantasmi di Londra, sembra che molti edifici della capitale inglese siano perseguitati da strane apparizioni. In particolare pare che i fantasmi abbiano una particolare predilezione per le public houses. Sembrerebbe infatti che ogni pub che si rispetti abbia almeno un fantasma. Se non vi spaventa l’idea di bervi una pinta in compagnia di uno spettro, seguitemi in questo tour alla scoperta dei pub più infestati di Londra. 

Era l’ora innominabile della notte
In cui le illusioni in un nembo delirante
Intorno al silenzioso dormiente, ondeggiano
E si muovono furtive nelle sue visioni inconsce
(Howard Phillips Lovecraft)
The rising sun è considerato uno dei pub più infestati di Londra

The Rising Sun – City of London

The Rising Sun si trova in un pittoresco vicolo a due passi dall’Ospedale di St. Bartholomew. È proprio la sua posizione che ha contribuito a renderlo un luogo dalla sinistra reputazione. Si racconta infatti che questo pub, all’inizio del XIX secolo, fosse usato come covo per una forma particolarmente brutale di body snatcher.La leggenda afferma che una banda di malviventi drogasse i bevitori del pub per poi ucciderli e vendere i loro corpi all’ospedale, che li acquistava per ricerche mediche (ovviamente ignorando come erano stati procurati). Questo orribile passato ha apparentemente lasciato il segno;  numerosi dipendenti del locale affermano infatti di aver assistito ad eventi sovrannaturali. 

Visto che siete in zona, approffittatene per visitare l’interessante St Bartholomew Church che si trova dall’altra parte della strada. Ha interni pieni di fascino ed alquanto originali. L’unicità dei suoi interni l’ha infatti resa un set ideale per molti film, tra cui: 4 matrimoni ed un funerale, L’altra donna del re, Sherlock Holmes (la versione di Guy Ritchie) ed Elizabeth the Golden Age.

the rising sun, Londra

Ye Old Cock Tavern – City of London

L’originale Ye Olde Cock Tavern risale al 1668 e può rivendicare un curioso primato tra i pub di Londra: quello con la facciata più stretta. Ma i suoi spazi ridotti non hanno impedito agli spettri di prendervi alloggio. Nel 1984, il “fantasma dell’orafo” apparve nel pub di fronte ad un gruppo di giocatori causando un certo panico. Ancora oggi è ricordato il potente grido di una donna che lavorava al pub, che si imbattè in una testa (senza corpo) che le sorrideva. La donna in seguito riconobbe la testa da un dipinto che rappresentava lo scrittore Oliver Goldsmith, il cui corpo è sepolto vicino al pub.

Proprio dietro al pub si diramano le antiche strade degli Inns of Court e la Temple Church, la Chiesa citata nel Codice Da Vinci. Si racconta che mentre venivano girate le scene del film Ron Howard e Tom Hanks siano stati visti più volte bersi un drink allo Ye Old Cock Tavern. 

Ye Old Cock Tavern

The Ten Bells – Whitechapel

Molte persone attribuiscono l’atmosfera spettrale di questo pub di Spitalfields al suo intreccio nella storia di Jack lo Squartatore. Ma gli avvistamenti di spettri non sono solo correlati al famigerato assassino. Il passato sanguinoso di questo locale è anche legato ad    uno dei suoi proprietari dell’epoca vittoriana. George Roberts fu infatti assassinato con un’ascia in questo luogo e si dice che la sua apparizione abbia terrorrizzato più di un membro dello staff.  The Ten Bells è un pub pieno di atmosfera proprio a due passi dal vivace Mercato di Spitafield, che vale la pena visitare per gli stands di prodotti artigianali e di street food.

Ten Bells è uno dei pub più infestati di Londra

The Grenadier – Belgravia

Questo pub è citato in ogni guida sui fantasmi di Londra e gli è addirittura stata dedicata una puntata di un programma telvisivo sulla BBC. La sua fama è  dovuta a Ceric, un giovane soldato che qui andò incontro ad un crudele destino quando i suoi compagni lo picchiarono a morte, dopo che non era riuscito a pagare il suo debito di gioco. Ritagli di giornale sono incorniciati sui muri e raccontano di avvistamenti spettrali nel corso degli anni.

Nel pub il soffitto è coperto di banconote provenienti da tutto il mondo lasciate lí da turisti e cacciatori di fantasmi desiderosi di aiutare Ceric a pagare il suo debito. 

Un pò fuori dai soliti circuiti turistici questo pub è frequentato soprattutto da una clientela locale. Gli interni sono originali ed il servizio molto gentile. Se volete fermarvi a mangiare, servono anche dei discreti pasti caldi.

The Viaduct Tavern

Oltre ad essere uno strepitoso esempio di architettura vittoriana il Viaduct Tavern vanta anche diverse attività paranormali. Sembra infatti che lo spazio sotterraneo fosse un tempo utilizzato come celle della famigerata prigione di Newgate (che si trovava proprio dall’altra parte della strada). Da allora gli ex detenuti sembra non abbiano dato pace al personale del pub: richiudendoli in cantina e facendo fluttuare nell’aria tappeti arrotolati. 

Fondato nel 1869 come raffinata Casa del gin, è tutt’ora noto per l’ampia scelta di distillati di qualità. La lista dei drink offre una scelta di  Signature Serves (a 6.5 sterline) ciascuno dei quali è dedicato ad un ex ospite della prigione di Newgate. Potrete quindi scegliere tra un Elizabeth Dowell (che trascorse 6 settimane a Newgate per aver rubato un asino) oppure un Samuel Baker ( 9 mesi di prigione per aver rubato un paio di calzini) e tanti altri. Sorseggiando il vostro gin o la vostra birra avrete l’occasione di  meditare su come in epoca vittoriana pene e reati fossero considerati in maniera molto diversa rispetto ad oggi… 

The Spaniards inn – Hampstead

Probabilmente uno dei pub più infestati di Londra, lo Spaniards Inn  non si limita infatti ad ospitare un fantasma, ma addirittura tre! Il primo è Dick Turpin, famigerato bandito del XIII secolo. Si dice che il suo spirito si aggiri per le stanze del piano superiore, causando rumori sinistri. Al piano terra, un usuraio di nome Black Dick, che venne investito da una carrozza proprio fuori dal pub, presiede l’area del bar e sembra che si diverta a tirare su le maniche delle camicie ai clienti del pub (!). All’esterno, il fedele cavallo di Dick Turpin, affettuosamente noto come Black Bess,  apparentemente perseguita il parcheggio. Rumori di zoccoli sono stati uditi più volte nel corso degli anni.  

Se questa folla di fantasmi non vi disturba, The Spaniards Inn è un pub estremamente piacevole e dalla lunga storia, immortalato anche in The Pickwick Papers di Charles Dickens. La zona di Hampstead  è inoltre una deliziosa parte di Londra da esplorare, soprattutto se avete gia esplorato I quartieri più noti della città.

The Malbourough Head – Mayfair

L’ultimo dei pub più infestati di Londra di cui vi parlo oggi si trova a Mayfair. Anche in questo caso le leggende sui fantasmi sono legate alla posizione del pub. Questo angolo di Londra, ora elegante e costoso, era una volta un ampio spazio aperto. Qui tra il XII e il XVIII secolo si svolgevano decapitazioni ed impiccagioni dei criminali: folle di spettatori arrivavano da miglia ​​ distanza per assistere alle esecuzioni. Erano infatti così popolari che venivano istituite delle festività pubbliche per dare modo alla popolazione di poter assistere a tale macabro spettacolo. Da allora, si dice che I fantasmi dei condannati perseguitino il locale. Il pub si trova a pochi passi da Oxford Street e rappresenta un ottimo punto di sosta dopo un pomeriggio di shopping. 


Spero che la mia selezione dei più infestati pub di Londra vi sia piaciuta. E voi avete mai visitato un luogo infestato dai fantasmi?

Un pensiero riguardo “I pub più infestati di Londra

  1. Adoro Londra e tutti i suoi locali, pub e negozi particolari. Di tutti quelli illustrati sono stata solo al TEN BELLS e mi è piaciuto da morire sia come atmosfera che come quartiere. Non ho visto lo spettro di George Roberts ma avrò tempo per tornarci e tentare di nuovo … 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *