Musei di Londra: gli imperdibili

Londra e’ una citta’ estremamente ricca dal punto di vista di culturale. Si potrebbero passare settimane a visitarne i numerosi musei… ma poiche’ la maggior parte di noi non ha tanto tempo a disposizione, vi propongo qui una lista dei musei che assolutamente meritano una visita durante il vostro soggiorno londinese. Con qualche mio personale consiglio per rendere la visita ancora piu piacevole. 

Ciò che accomuna tutti questi musei e’ che sono gratuiti (sebbene alcune esposizioni e mostre temporane potrebbero essere a pagamento), sono stupendi e sono enormi! Ciascuno di essi richiede una visita almeno di 3 ore solo per avere un’idea generale di ciò che contengono. Di conseguenza, se avete a disposizione solo un week end per visitare la città, vi consiglio di selezionarne un paio e rimandare gli altri alla prossima visita.

V&A museum di Londra
Il V&A Museum

Se viaggiate con i bambini alcuni musei possono essere più adatti di altri: il National History Museum è particolarmente apprezzato dai piccoli viaggiatori; anche il British Museum ha oggetti che potrebbero catturarne l’attenzione e l’immaginazione. 

Il British Museum

Un must see per chi visita Londra: è infatti considerato uno dei più grandi ed importanti musei della Storia del Mondo. 

Ospita 5 milioni di visitatori annuali, il che lo rende il terzo museo più visitato al mondo dopo il Louvre di Parigi e il Metropolitan Museum di New York. 

Fu fondato nel 1753 per ospitare la collezione privata di Sir Hans Sloane, un medico e scienziato che desiderava che i manufatti che aveva collezionato nel corso della sua vita venissero conservati dopo la sua morte. La sua collezione comprendeva oltre 400.000 libri e oggetti d’antiquariato provenienti da Grecia, Roma, Egitto, Medio Oriente e America.

Il British Museum è considerato il primo museo “nazionale” della storia ( ovvero non di proprietà ecclesiastica o del Re) aperto al pubblico gratuitamente.

Il museo ha cambiato sede 3 volte, a causa di nuove acquisizioni di oggetti  e reperti che rendevano i vecchi edifici non più idonei. Fu cosí che per fare spazio a nuove reliquie, le collezioni di storia naturale furono spostate nel 1887,  dando vita a quello che oggi è il Museo di Storia Naturale

Nel 1852 fu completato  l’edificio, costruito in stile greco, nel quale il British Museum è attualmente ospitato.  L’edificio e’ frutto di diverse modifiche nel corso degli anni tra cui la creazione della più grande piazza coperta d’Europa: la stupefacente Queen Elizabeth Great court, inaugurata nel 2000.

la piazza coperta del British museum

Oggi non e’ facile orientarsi in mezzo ai 30 milioni di oggetti ospitati nelle sale del Museo.  Alcuni pezzi che assolutamente non dovreste perdervi: 

  • Stele di rosetta
  • Fregi metope e frontoni del Partenone
  • Hoa Hakananai’a (moar dell’Isola di Pasqua)
  • La collezione di mummie egiziane 

(ma mi raccomando ritagliatevi del tempo per i vostri personali interessi o per curiosare nelle gallerie)

Consiglio: Il sito del museo offre una mini guida per un self-guided tour di 1 o 3 ore con un percorso che vi permetterà di orientarvi tra i 30 milioni di reperti suggerendovi i pezzi imperdibili della collezione. C’è anche un mini percorso ritagliato su misura per i bimbi.

La National Gallery

La National Gallery venne fondata nel 1824, quando il governo britannico acquistò 38 dipinti dal banchiere John Julius Angerstein per £ 57.000. L’edificio che la ospita si erge imponente  su Trafalgar Square, nel pieno centro di Londra.

Dal 1824, la galleria si è sviluppata rapidamente e oggi ospita una collezione di oltre 2.300 dipinti di cui due terzi provengono da donazioni private. 

Qui potrete ammirare, tra gli altri, opere di Rembrandt, Tiziano, Velazquez, Van Eyck, Van Gogh, Michelangelo, Turner e Gainsbourough.  La collezione e’ infatti un viaggio nella storia della pittura del mondo occidentale. Percorrendo le eleganti e imponenti sale del museo è possibile osservare come si è evoluta l’arte visiva dal medioevo fino al postimpressionismo, tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo.

Consiglio: per godere al meglio l’atmosfera del luogo e la bellezza delle opere esposte, se possibile, cercate di visitarla di mattina, preferibilmente in un giorno feriale, quando le sale sono un pò meno affollate. 

una delle sale della national gallery di Londra

Il National History Museum (NHM)

Il Museo di Storia Naturale di Londra ospita una strabiliante collezione di oltre 80 milioni (!) di reperti legati al mondo naturale. E’ considerato uno dei piu importanti musei al mondo del suo genere.

Come ho già accennato sopra, il museo, nacque alla fine dell’800 con l’obiettivo di esporre l’importante collezione di scheletri, fossili e piante che in precedenza avevano fatto parte del British Museum. 

Oltre alla vasta collezione, anche lo spettacolare edificio che la ospita merita di essere ammirato. L’edificio risale al 1870 ed è uno delle icone architettoniche di Londra. Devo ammettere che quando percorro le sale del museo, talvolta e’ tale la bellezza degli interni che quasi dimentico di osservare le opere esposte!

Attualmente l’esposizione conta più di 33 sale (divise in 4 sezioni):

La zona blu esplora la diversità della vita sulla Terra (dai dinosauri ai mammiferi); quest’area e’ molto amata (e frequentata ) dai bambini.

La zona verde studia le fasi dell’evoluzione della Terra. Qui potete curiosare, tra le altre cose,  fossili ed minerali

La zone rossa vi accompagna in un viaggio all’interno del Pianeta Terra per conoscere le forze che lo hanno plasmato.

La zona arancione contiene il Darwin Center e il wildlife Garden.

Al Vostro arrico verrete accolti in maniera grandiosa nella Hintze Hall (ingresso principale).  In questa enorme e stupenda sala per 112 anni e’ stato in mostra Dippy il Diplodocus, che ha affascinato generazioni di adulti e bambini. Nel gennaio 2017 le 292 ossa che compongono lo scheletro sono state smontate e imballate per partire per un tour in giro per il Regno Unito. Dippy è stato sostituito dal (altrettanto spettacolare) scheletro di una giovane balena blu, che morì nel 1891 su una spiaggia irlandese. 

Curiosità: la scegrafica cornice del Museo è stato utilizzata come set in molti film, tra cui “Paddington”, “la Mummia” (con Tom Cruise) e la serie televisiva Poirot. 

l'imponente facciata del national history museum di Londra

Il Victoria and Albert Museum    

Se mi venisse chiesto qual è il mio museo preferito di Londra, avrei non poche difficoltà a darvi una risposta definitiva.  Ma sicuramente il V&A museum sarebbe tra i candidati principali. E’ infatti un museo che amo molto ed in cui torno ogni volta che ne ho l’occasione.  Ed ogni volta scopro nuove sale ed oggetti affascinanti che catturano la mia curiosità.  

Fondato nel 1852, il V& A Museum è il più grande museo al mondo di arti decorative e design. L’edificio vittoriano è vastissimo, si estende per 51.000 m². 

Ospita una vasta collezione di arte decorativa indù, cinese, coreana, giapponese, islamica ed europea. In totale ospita oltre quattro milioni di opere d’arte.

La collezione e’ estremamente varia e comprende gioielli, vetro, armi ed armature, abiti, ceramiche, statue, mobili, modelli architettonici, dipinti, oggetti in metallo, ed un numero infinito di oggetti curiosi provenienti da tutto il mondo .

Il museo è troppo vasto per essere visto in un giorno, quindi vi consiglio caldamente di procurarvi una mappa al punto informazioni e selezionare le aree che vi incuriosiscono maggiormente.

Consiglio: durante la vostra visita prendetevi una pausa caffè. Non solo il V&A museum ospita il più antico café all’interno di una struttura museale, ma questo e’ anche uno dei più bei café di Londra. Mentre berrete il vostro cappuccino ammirate le meravigliose decorazioni in ceramica smaltata e vetro della Gamble room, gli originali dettagli della Poynter room o  uno dei primi affascinanti lavori di decorazione di William Morris nella Morris Room.

il cafè del victoria & albert museum di Londra

La Tate Modern

La Tate Modern è una delle gallerie d’arte moderna e contemporanea più visitate al mondo, con oltre 4 milioni e mezzo di visitatori supera il MoMA di New York e il Museo Reina Sofia di Madrid. Fa parte del complesso museale Tate, che comprende anche la Tate Britain e una sede a Liverpool e St Ives (Cornovaglia).  

Ospitata nell’ex centrale elettrica di Bankside, è stato inaugurata l’11 maggio 2000. L’edificio è, a mio parere, la cornice perfetta per le opere d’arte qui ospitate. L’eccellente lavoro di restauro, che ha trasformato una centrale elettrica in una galleria d’arte, si integra perfettamente con le opere del museo, un mix che funziona alla perfezione. L’effetto delle opere esposte viene esaltato dagli spazi museali, rendendo la visita (anche per chi, come me, non e’ grande fan dell’arte moderna) assolutamente piacevole.

La vasta collezione ospita opere di artisti come Pablo Picasso, Andy Warhol, Salvador Dalí, Mark Rothko o Edvard Munch, Cezanne, De Chirico, Pier Mondrian, Umberto Boccioni. 

Le mostre temporanee sono divise tra il quarto piano e la Turbine Hall, la sala principale dell’edificio, che un tempo ospitava i generatori di elettricità della vecchia centrale elettrica.

Consiglio: dopo aver ammirato le opere del museo, non perdetevi il panorama dal terrazzo del Blavatnik Building: una magnifica vista a 360° su Londra. 

opere in mostra alla tate modern

Per concludere:

Come già detto, tutti questi straordinari musei sono gratis; ma è giusto ricordare che la loro sopravvivenza è garantita principalmente da donazioni di privati ed enti. 

Ci sono quindi diversi modi in cui i visitatori possono contribuire:

  • Offerte libere: troverete ovunque urne per offerte libere. In molti musei stanno installando dei pos per facilitare offerte tramite carte di credito/debito.
  • Fare un break nei coffee shop o ristoranti all’interno dei musei e’ una buona idea per contribuire a mantenere queste esposizioni mentre si gusta una tazza di caffè e una fetta di torta.
  • Comprare qualche souvenir presso i negozi dei musei. Non sottovalutate questi negozi che vendono oggetti interessanti ed unici, eccellente alternativa ai più banali e scontati negozi di souvenir turistici. 
  • Se siete cosi fortunati da visitare Londra diverse volte all’anno potete anche valutare una membership card annuale che offre una serie di vantaggi (tra cui ingressi gratis alle mostre temporanee, solitamente a pagamento).

13 pensieri riguardo “Musei di Londra: gli imperdibili

  1. I musei di Londra sono magnifici…penso di essere stata una ventina di minuti in contemplazione davanti ad un quadro di Van Gogh alla National Gallery. Allo stesso modo mi aveva colpito molto anche il British per quanto storia avesse al suo interno! Anche se ero una studentessa squattrinata mi è venuto spontaneo lasciare una donazione per continuare a conservare tanta bellezza!

    1. Si sono magnifici e sono gestiti in maniera impeccabile. E’ incredibile che siano gratuiti, ma personalmente mi sento sempre un pochino in obbligo di contribuire, anche solo bevendomi un caffè al coffee shop del museo! ☕️

  2. Il victoria albert museum è stato il mio museo preferito a Londra di contro madame toussad (non so neanche come si scrive) il peggiore

    1. Concordo con te, Madam Tussaud ormai non si può più considerare un museo. Benché sia nato come tale ed abbia una storia affascinante alle spalle, ormai è diventato esclusivamente una macchina per far soldi. Le statue di cera sono eseguite in maniera impeccabile ma l’atmosfera iper-commerciale ed il sovraffollamento, lo rendono, almeno ai miei occhi, un luogo sgradevole. Ovviamente questa è una opinione personale, in generale so che è sempre amatissimo 🤷🏻‍♀️

  3. Meravigliosa Londra e meravigliosi musei. Di solito si ha sempre poco tempo e si cerca di vedere quanto più possibile. L’idea del caffè però è ottima: non conoscevo la particolarità del Victoria e Albert Museum.

    1. Allora ti consiglio di farci un salto, a me piace moltissimo! Poi io adoro lo stile di William Morris e una delle tre sale rappresenta uno dei suoi primi lavori.

  4. Li ho visti tutti! Sono stata a Londra diversi anni fa con un’amica. In una settimana non abbiamo fatto altro che girare musei! È stato bellissimo e, per di più, gratuito!

  5. I musei londinesi sono meravigliosi, tutti quanti! Se dovessi sceglierne uno solo probabilmente sceglierei la TATE e come riserva il Victoria and Albert Museum. Che meraviglia! E poi vogliamo dire che l’accesso è gratis? E’ bellissimo!! Mi manca questa città. Spero di tornarci presto!

    1. A breve scriverò un articolo sui musei gratuiti un pochino meno conosciuti (ma altrettanto interessanti!). Magari troverai qualche spunto per il tuo prossimo viaggio a Londra 😊

  6. Non ho mai considerato Londra come una meta dove andare nei nostri viaggi non lo so non mi chiama.Forse perché ho sentito racconti sui londinesi gente fredda e poco accogliente e questo mi blocca a metterla nella lista delle mete di viaggio nonostante sia amante dell’arte e questi musei senz’altro mi piacerebbero

    1. Devo proprio spezzare una lancia in favore dei Londinesi. Vivendo qui mi sono accorta come siano persone educate e per nulla fredde. Però è importante rispettare alcune regole (soprattutto non intralciare il viavai di persone sui marciapiedi e nella Tube). Bisogna ricordare che questa è una città dove vivono più di 8 milioni di persone e la maggior parte lavora a ritmi piuttosto frenetici. Ma troverai sempre qualcuno che ti aiuta se ti trovi in difficoltà!

  7. Anche per me il Victoria and Albert Museum ha un valore speciale. La collezione permanente viene integrata a perfezione con le interessantissime mostre temporanee. Insomma c’è sempre un buon motivo per farci un giretto! Confesso di esserci stata anche solo per mangiare qualcosa nella sua bellissima caffetteria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *