Zone di Londra: l’eleganza di Belgravia

Belgravia è uno dei quartieri più esclusivi e costosi della capitale britannica. È spesso trascurata dai turisti, infatti pur essendo un’area di grande eleganza e fascino, non ha famosi monumenti o attrazioni turistiche. Recentemente si è sentita nominare grazie alla serie televisiva omonima, da poco andata in onda in Gran Bretagna e che dovrebbe approdare in Italia tra qualche mese.  Scritta da Julian Fellowes, noto al grande pubblico come l’autore di Downton Abbey, è una miniserie in costume ambientata in epoca vittoriana.

Halkin Mews, suggestivo vicolo di Belgravia

La serie racconta in particolare le vicende di due famiglie: i Brockenhurst, una delle famiglie nobili più in vista della società londinese e i Trenchard, dalle origini più umili ma appartenenti ad una borghesia in veloce ascesa. Le vite di queste due famiglie si intrecciano grazie ad una storia d’amore sfortunata e tragica tra i due figli, proprio alla vigilia della battaglia di Waterloo. Ma sarà solo molti anni dopo che gli eventi prenderanno una piega inaspettata e le due famiglie si rivedranno in curiose circostanze (non dico oltre per non rovinarvi la visione). Mentre la trama è immaginaria, alcuni eventi e personaggi si basano su persone ed eventi reali dell’epoca, con riferimenti storici intrecciati nella narrazione. 

Come è nato il quartiere di Belgravia

Thomas Cubitt, che viene più volte citato nella serie TV, è stato uno dei più grandi architetti e costruttori dell’epoca, e ha lasciato una impronta indelebile sulla Londra che conosciamo oggi. Nel 1824 gli venne commissionato da Richard Grosvenor, secondo Marchese di Westminster, la creazione di un gruppo di edifici a Belgravia, progetto che poi si rivelò uno dei sui piu grandi trionfi.  In precedenza la zona era nota come Five Fieldsun’area paludosa e malfamata situata tra Hyde Park e il Tamigi. Grazie al suo progetto divenne una delle zone piu ambite dalla nobiltà londinese. Ancora oggi parte di Belgravia è proprietà della società immobiliare Grosvenor Group (appartenente ai discendenti di Sir Richard).

Le file di sfarzose ville bianche e case a schiera che oggi caratterizzano Belgravia vennero acquistate inizialmente da membri dell’aristocrazia , ma dopo la seconda guerra mondiale, le cose cambiarono. Oggi molti edifici sono occupati da ambasciate e le abitazioni private sono state perlopiù acquistate da multimilionari stranieri: Belgravia è attualmente considerata tra le aree più costose del mondo in cui vivere, considerate che un appartamento medio/piccolo con 1 sola camera da letto si aggira intorno al milione di sterline.  Alcune case possono arrivare a costare 30 o 40 milioni di sterline. 

eleganti case di Belgravia

Cosa vedere 

Incastonata tra Hyde Park, Buckingham Palace e Victoria Station è facile da raggiungere con i mezzi pubblici. Le stazioni della metro piu comode sono Victoria o Sloane Square station.

Come dicevo, Belgravia non è una zona turistica, e proprio in questo sta parte del suo fascino. Le sue strade sono perlopiù frequentate da locali e la sua architettura mantiene lo stile originale. Qui le insegne al neon non sono ammesse.  

Al centro del quartiere si trova Belgrave Square Garden, due ettari di verde circondato da splendide case a schiera, nel caratteristico colore bianco che domina tutte le strade in questa zona. Camminando attorno alla piazza divertitevi a provare ad identificare i paesi a cui corrispondono le varie bandiere delle ambasciate ed edifici governativi.  

Questa è la zona più monumentale ed imponente di Belgravia ma se vi spostate un pochino verso nord, a  Motcomb street, troverete una Belgravia più intima (ma altrettanto esclusiva). In questa stradina pedonale ci sono tanti negozi interessanti di cui vi parlerò dopo.  Sbirciate  in Halkin Mews per uno scorcio romantico di Londra (con discrezione però, gli abitanti giustamente ci tengono alla loro privacy). 

Motcomb Street

Anche Kinnerton Street e le numerose vie che da lí si diramano sono piacevoli da esplorare.

Elizabeth street è un’altra deliziosa strada che vale la pena percorrere. Le sue vetrine decorate sono tra le più fotografate su Instagram.

Lí vicino, al n 22 Ebury Street una Blue Plaque contrassegna quella che un tempo fu la casa del creatore di James Bond, Ian Fleming. Lo scrittore visse qui dal 1934 al 1945 durante il suo lungo mandato presso la British Naval Intelligence. La casa è ora residenza privata, non è  quindi visitabile all’interno.

Dove mangiare a Belgravia 

La già citata Elizabeth Street ospita alcuni dei caffè più belli di Londra tra cui Peggy Porschen. Ospitata in un edificio tutto rosa, è specializzata in cupcakes e biscotti decorati con glasse variopinte (non per niente è la pasticceria di Londra piu fotografata su Instagram).

Spostandosi nella parte più a nord di Belgravia in Motcomb Street si può fare una sosta nel negozio di  cioccolato Rococo, da tutta Londra vengono qui a fare acquisti golosi. Ci sono altre sedi in città ma questa è l’unica con un piccolo giardino segreto nel retro e un coffee shop. Sulla stessa strada The Fine cheese Co. ha più l’aspetto di una boutique che di un negozio di formaggi.  Qui si può sostare per un delizioso spuntino a base di selezionati prodotti caseari britannici ed internazionali.

negozi di Belgravia

Spostandosi verso sud, Daylesford, è il più chic farm shop che possiate trovare in Inghilterra. Il brand, votato alla sostenibilità e alla produzione organica, venne fondato 40 anni fa da Lady Bamford.  La caffetteria offre una scelta di piatti sani cucinati con  prodotti di alta qualità (uova di fattoria, insalate, panini e cosí via ) in un ambiente informale ma curato nei minimi dettagli. 

Se invece preferite un’atmosfera più tradizionalmente British dirigetevi al Pub the Grenadier: nascosto in una via secondaria è un pò difficile da trovare. Ma non demordete, il luogo ha tutto ciò che potreste aspettarvi da un pub vecchio stile. Comprese le storie di fantasmi.  (Se volete saperne di più andate a leggere la storia dello “sfortunato soldato” nel mio articolo sui pub storici di Londra).

Per un pò di shopping

Fare shopping in questa zona non è ahimè cosa per tutte le tasche. Ma nulla ci vieta di ammirare le vetrine e sbirciare le ultime novità della moda. Poi chissà, soprattutto in periodo di saldi, potrebbe anche essere possibile toglierci uno sfizio.

In Sloane Street troverete le boutique dei brand più lussuosi che fanno a gara per creare le vetrine più invitanti e fantasiose. In particolare durante il Chelsea Flower Show (che si svolge tutti gli anni a Maggio) la zona attorno a Sloane Square viene addobbata da bellissime decorazioni floreali. Se siete a Londra in questo periodo vi consiglio di non perdervela. 

Su Sloane Street si trova anche il famoso department store di lusso Harvey Nichols, competitor di Harrods, ma dallo stile più sobrio. 


Spero che questo viaggio attraverso Belgravia vi sia piaciuto. Se siete interessati a conoscere altre zone meno turistiche di Londra, potete sbirciare il mio articolo su Hampstead, quartiere altrettanto esclusivo ma dall’atmosfera totalmente diversa da Belgravia.


Se vi è piaciuto questo articolo, perché non lo salvate su Pinterest per rileggerlo con calma?

8 pensieri riguardo “Zone di Londra: l’eleganza di Belgravia

    1. E’ molto meno turistico rispetto ad altre zone centrali di Londra, offre l’occasione di vedere un lato diverso della città.😊

  1. In questi giorni sto guardando la serie Crown, il che fa accrescere il mio desiderio di ritornare alla City, di sicuro non mi perderò quest’incantevole quartiere, tanto meno la serie che hai menzionato, ho adorato Downton Abbey.

  2. É proprio vero che Londra ha mille volti! Ammetto di non esserci mai stata ma tutti gli articoli che leggo a riguardo mi fanno scoprire sempre di più una città variegata e che ho proprio voglia di scoprire il prima possibile!

  3. Mi manca Londra. Manco da 3 anni e non vedo l’ora di poter organizzare un nuovo weekend lungo nella capitale inglese. Belgravia è semplicemente fantastica, adoro la bottega rosa di Peggy Porschen su Elizabeth Street ..

  4. Che bell’articolo! Ho adorato questo quartiere, scoperto durante il mio ultimo viaggio a Londra dell’anno scorso! Ha un’atmosfera bellissima e anche un po’ inusuale rispetto alle più note zone della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *